Dire l’ineffabile: lo “iubilus” secondo Agostino d’Ippona

16/05/2019Sant'Agostino

 

di SELENE ZORZI

 

Tornando sul tema agostiniano dello iubilus dopo quasi venti anni, Selene Zorzi ribadisce come tale concetto costituisca un luogo privilegiato e significativo per riflettere sulla concezione agostiniana circa la relazione tra Rivelazione, silenzio, parola umana, parola divina e teoria del linguaggio.

Dopo un’introduzione, nella prima parte dell’esposizione – incentrata in modo particolare su Agostino – l’autrice ripercorre velocemente le concezioni sul musicale, presentando il confronto su tale tema con la tradizione neoplatonica, per offrire infine una riflessione più sistematica sulle connotazioni dello iubilus agostiniano quale luogo di una declinazione compiuta della comunicazione teologica cristiana. Nella seconda parte, si mostra come le traiettorie della riflessione agostiniana sullo iubilus arrivino fino ad oggi e le sue conseguenze sulla pregnanza teologica del linguaggio paraverbale.

Il testo proviene da una conferenza elaborata per il simposio “Silence, Music and Sign in Patristic Theology”, S. Athanasius Greek-Catholic Theological Institute, Nyíregyháza, Ungheria, 11-12 Settembre 2017, ed è stato pubblicato in Eastern Theological Journal 4 (2018) 2, pp. 191-216.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo

Torna ai contributi